OSSERVAZIONI E PROPOSTE SULLA BOZZA DI PROTOCOLLO D’INTESA TRA REGIONE SICILIANA E COMUNE DI PALERMO PER LA VALORIZZAZIONE DEL PARCO URBANO DELLA FAVORITA

  1. Consideriamo la bozza di protocollo così come formulata una prima apprezzabile iniziativa delle Istituzioni responsabili, atta ad affrontare e risolvere nel breve termine i gravi problemi di gestione della Favorita quanto a sicurezza, pulizia, regolamentazione del traffico e della sosta, cura della vegetazione storica e produttiva, nonché del coordinamento delle diverse realtà operative che in atto agiscono separatamente all’interno del Parco.
  2. Riteniamo indispensabile l’istituzione di un “Autority” monocratica o collegiale, rappresentativa delle due Istituzioni, da concordare fra la Regione siciliana e il Comune di Palermo, a cui siano conferito il governo del Parco della Favorita sulla base di un accordo protocollare fondato sui seguenti principi:

    -        Il riconoscimento del Parco come patrimonio esclusivo della Comunità palermitana, a cui è stato affidato sine die con R.D. del 1937, per essere destinato, quale Parco urbano, alla fruizione pubblica ed agli usi della collettività, e ciò indipendentemente dai diritti dominicali.

    -        L’accettazione del “Piano di utilizzazione del Parco”, redatto ed adottato dal Comune di Palermo, di cui si attende l’approvazione dell’A.R.T.A., quale modello di riferimento per ogni attività di programmazione ivi contemplata per la salvaguardia, la conservazione, la manutenzione, il ripristino, la fruizione e la valorizzazione del patrimonio naturalistico e storico-artistico del Parco

    -        L’affidamento al Comune di Palermo di tutte le attività concernenti l’attuazione del Piano di utilizzazione del Parco e della relativa programmazione urbanistica, in connessione con il Piano regolatore generale della città.

    -        L’affidamento alle Autorità regionali dell’esclusivo e competente compito istituzionale per la tutela attiva dei valori naturalistici e storico artistici nascenti dalle vigenti norme di legge, da attuare in sinergia con l’Amministrazione del Comune di Palermo

    3  Si renderà pertanto necessario, a nostro avviso,  stipulare un nuovo protocollo in

    cui siano individuati ed elencati:

    -        I vincoli di legge a cui è soggetta l’area del Parco della Favorita, il cui rispetto sarà controllato dalle Autorità regionali

    -        Le Istituzioni e gli Enti regionali, comunali o sotto ordinati che si obbligano a  mettere a disposizione dell’Autorithy personale mezzi e risorse per le finalità contenute nel Piano di utilizzazione.

    Palermo, 09.05.12

    Il Coordinatore del Forum

    Nino Vicari


    serverstudio web marketing e design